CuriositàI 10 Piloti di Motociclismo più forti della storia

10/04/2016 - 19h

In questa interessante classifica dedicata a tutti gli amanti dello sport scopriremo i piloti di moticiclismo più forti di sempre, classificandoli in base al numero di Gran Premi vinti.

Lo sport, nelle sue varie forme, è uno degli eventi più seguiti ed apprezzati in assoluto da tantissimi anni. Già nell’antichità si praticavano degli sport e sebbene le regole e le discipline sono cambiate, l’entusiasmo è rimasto sempre lo stesso. In questa lista andremo a ricapitolare la storia dei MotoMondiali, cercando di capire quali sono i piloti più forti della storia. Abbiamo stilato la classifica a partire dal numero di Gran Premi vinti, per una lista che riserverà più di una sorpresa anche ai tifosi più appassionati. Vediamola!

10. JIM REDMAN (45 GRAN PREMI VINTI)

Uno dei piloti più forti della storia del motociclismo è stato Jim Redman, che in pochi conoscono, specialmente i più giovani, a causa degli anni in cui ha corso: ha esordito infatti nel 1958, per correre fino al 1966, periodo in cui è riuscito a vincere ben 45 gare e ad aggiudicarsi ben sei titoli mondiali. Si è ritirato dalla corsa agonistica dopo aver subito un incidente, fortunatamente non mortale, nel corso del Gran Premio del Belgio del 1966, ma è ricordato come uno dei motociclisti più in gamba di sempre.

9. MARC MARQUEZ & DANIEL PEDROSA (50 E 51 GRAN PREMI VINTI)

La nona posizione della classifica dei migliori piloti è occupata da un ragazzo contemporaneo e molto giovane ( Marc Marquez ) e il suo compagno Daniel Pedrosa, classe 1985. A soli 30 anni, è stato in grado di vincere ben 50 gran premi e addirittura tre titoli mondiali, di cui uno nella classe 125, nel 2003, e due nella classe 250, i due anni successivi. Ad un’età così giovane ha già superato, per titoli vinti, molti dei piloti del passato e siamo sicuri che concorrerà, nei prossimi anni, alle prime posizioni di questa stessa classifica. Marc Marquez invece è il futuro del motociclismo, un giovane che sta distruggendo qualsiasi record e che detiene già 4 titoli mondiali a 22 anni che potevano essere 5 se non avesse avuto un problema nei primi 3 gran premi al suo debutto in Moto2.

8. PHIL READ (52 GRAN PREMI VINTI)

Torniamo nel passato con un altro grande pilota, nato nel 1939 e per questo meno conosciuto rispetto all’”odierno” Pedrosa, che si chiama Phil Read. Nella sua carriera, piuttosto lunga perché ha esordito nel 1961 per poi ritirarsi nel 1976, è riuscito a vincere ben 52 Gran Premi ed è stato addirittura per sette volte il vincitore di un titolo mondiale. Ha disputato la sua ultima gara, non in Motomondiale, nel 1983, per poi ritirarsi definitivamente. Nonostante i suoi 76 anni, rimane uno dei piloti più importanti della storia tra quelli ancora in vita.

7. JORGE LORENZO (54 GRAN PREMI VINTI)

Torniamo ancora una volta ai giorni nostri per un pilota, un ragazzo, di soli 28 anni, che nella sua carriera che perdura però da molto tempo (ha esordito con la classe 125 nel 2002, per cui ben 13 anni fa) è riuscito a vincere ben 54 Gran Premi, un numero addirittura superiore a quello di altri colleghi a fine carriera, portando a casa anche quattro titoli mondiali, due nella classe 250 e due nel MotoGP. E considerando che si tratta di un pilota molto giovane, anche la sua carriera potrebbe durare per molti altri anni, andando così a scalare molto in fretta una classifica come questa.

6. MICHAEL DOOHAN (54 GRAN PREMI VINTI)

A parimerito con Lorenzo troviamo un altro pilota che però ha già terminato la sua carriera. Nato nel 1965, è un moticiclista australiano ed ha corso dal 1988 fino al 1999, riuscendo a conquistare in questi 11 anni anche lui 54 Gran Premi, oltre a cinque titoli mondiali. Per la precisione, è riuscito a vincere tutti e cinque i titoli nella classe 500, e lo ha fatto consecutivamente negli anni che vanno dal 1994 al 1998. Nel 1999, poi, ha subito un grave incidente che gli ha causato la rottura di una gamba, obbligandolo a ritirarsi per sempre dal motociclismo, almeno come pilota.

5. MIKE HAILWOOD (76 GRAN PREMI VINTI)

Mike Hailwood è considerato uno dei più grandi piloti di sempre, pilota “a tutto tondo”. Ha esordito infatti nel 1958, all’età di 18 anni, nel motociclismo, riuscendo a vincere nel corso della sua carriera ben 76 Gran Premi e portando a casa ben 9 titoli mondiali, un’impresa che sicuramente non è riuscita a tutti. Ma non solo: si è ritirato dal motociclismo ed ha iniziato a correre nella Formula 1, disputando ben 49 Gran Premi, ed è per questo che è ricordato come uno dei piloti più in gamba di sempre. È morto a causa di uno sfortunato incidente stradale mentre era in auto con i propri figli, a soli 41 anni.

4. ROLF BILAND (81 GRAN PREMI VINTI)

Rolf Biland è un pilota meno conosciuto rispetto a tutti gli altri perché ha sempre corso nella categoria dei Sidecar, ma non per questo è un pilota meno forte rispetto agli altri: di classe 1951, è riuscito a vincere ben 81 Gran Premi, sempre in questa categoria, ed è riuscito a conquistare ben 7 titoli mondiali; prima di diventare pilota del sidecar è stato un passeggero, ed ha svolto questo ruolo nelle gare per quattro anni, dal 1970 al 1974. Ad oggi gestisce una società che organizza eventi per kart.

3. ANGEL NIETO (90 GRAN PREMI VINTI)

Con 90 Gran Premi vinti, il pilota spagnolo Angel Nieto è il più potente tra i piloti stranieri, che si trova in terza posizione sul podio dopo due italiani. È riuscito a vincere nella sua carriera ben 13 titoli mondiali (ma dice di averne vinti 12+1 per non pronunciare il numero esatto, visto che è molto scaramantico). La sua carriera è durata ben 22 anni, con l’esordio che è avvenuto nel 1964 e il ritiro che è avvenuto nel 1986.

2. VALENTINO ROSSI (108 GRAN PREMI VINTI)

Anche per chi non segue la MotoGP, è impossibile non conoscere Valentino Rossi, che oltre ad essere uno dei piloti più importanti della storia è un personaggio molto popolare e conosciuto almeno nel nostro paese. Nella sua carriera ha vinto ben 108 Gran Premi, ed è riuscito nelle varie scuderie in cui ha corso a conquistare ben 9 titoli mondiali. La sua carriera è iniziata nel 1996, e da allora non ha più smesso, per cui corre ininterrottamente da 19 anni. In corsa ha sempre usato il numero 46 anche se avrebbe potuto usare numeri diversi, come l’uno, a cui ha avuto diritto più volte in qualità di campione in carica.

1. GIACOMO AGOSTINI (122 GRAN PREMI VINTI)

  

Il pilota più potente, in base alla classifica che abbiamo stilato, è però Giacomo Agostini, che detiene ben 122 Gran Premi vinti e 15 titoli mondiali: per questo motivo è considerato all’unanimità il più grande campione del motociclismo sportivo di tutti i tempi, ed è Italiano. La sua carriera, rispetto a quella di altri piloti, non è nemmeno stata particolarmente lunga, e quando si è ritirato nel 1980 era già consapevole di aver raggiunto risultati che nessun altro pilota era mai riuscito ad eguagliare.

Tags
10 pilotimotociclismostoria